ΕΊΜΑΣΤΕ/NOI SIAMO

Andrea Luporini/Mohammad T.

A garden, eventually

Esito del workshop

Samos

2017

Andrea Luporini/Mohammad T., A garden, eventually, Samos, 2017

Questo è il risultato dell’incontro di due persone che hanno scelto i fiori come oggetto attraverso il quale rappresentare sé stesse. Le loro differenti visioni si fondono in questa immagine, un collage in cui fotografie scattate in tempi e luoghi diversi danno vita a uno spazio ipotetico e condiviso.

 

Questo post fa parte dell’argomento Είμαστε/Noi siamo.

Women’s activities

In questa sezione verranno pubblicate immagini che documentano le attività delle donne organizzate all’Alpha Center, il centro gestito dai Samos Volunteers. Partecipando e coordinando alcune di queste attività, le nostre fotografe avranno la possibilità di condividere momenti di vita quotidiana con le ospiti dell’hotspot e di produrre materiale da utilizzare nei workshop a loro dedicati.

Tutti i post relativi a questo argomento saranno consultabili all’interno della sezione Women’s activities.

Women's activities

 

Day 3_”Anyway, I’m happy”

Falasophia
 N. arriva da Idlib in Siria, ha 27 anni e da 16 mesi è fermo sull’isola, sulla quale è sbarcato nel maggio del 2016.
Fino ad oggi gli sono stati negati i documenti. Appena venuto a conoscenza del secondo rifiuto per evitare l’arresto e la deportazione in Turchia ha vissuto 7 mesi nascosto, grazie all’aiuto da alcuni abitanti dell’isola.
A maggio di quest’anno ha ricevuto la notizia della sospensione dell’ordine di espatrio e ha avviato le pratiche per il terzo appello. La risposta potrebbe arrivare da un momento all’altro, domani come tra un anno. Nel frattempo, appena uscito dai sette mesi di “clandestinità”, ha solo una certezza: vuole lavorare. Dopo di dieci anni di cameriere in Siria sarebbe disposto a fare di tutto pur di non continuare questa professione. Il suo sogno sarebbe quello di poter lavorare come traduttore per qualche associazione presente sull’isola. Ma il destino è stato ironico. Parlando con alcuni amici gli è stato offerto proprio un lavoro da cameriere, che ha accettato immediatamente. Adesso lavora da mesi e si può permettere l’affitto di una stanza vicino al mare. Il lavoro ha ridato un senso alla sua quotidianità, e anche se i suoi problemi non sono ancora finiti, ci saluta dicendo “Anyway, I’m happy”.

Day 3_testimonianze
Day 3_testimonianze

N. is from Idlib in Syria and he is 27. He has arrived in Samos 16 months ago, may 2016. 

He has lived hidden for 7 months thanks to the help of some local people. This May he has received the notification of the suspension of the order of expatriation.

After seven months living illegally the only thing he wants now is to find a job. His dream is to work as translator for the associations working on the island, but one day one of his friends propose him a job as waiter which he accepted immediately. 

Now thanks to his new job he is able to rent a small room close to the sea side. 
This job has been the opportunity to has his routine back, and even if his problems are still there he told us “Anyway, I’m happy!”.

Istantanee da Macrochorafo

Questo progetto nasce a Macrochorafo, un’abitazione che ospita alcune famiglie di migranti con bambini. Partito da questo luogo, è arrivato a toccarne altri, tutti legati dalla necessità di ricreare un tessuto visivo immediato e tangibile, interrotto o cancellato dallo strappo con il proprio paese e l’abbandono della propria casa. La perdita delle fotografie del passato e la difficoltà di produrne di nuove fanno di queste istantanee un dono, un oggetto prezioso capace di dare forma, attraverso l’immagini, a legami e affetti.

 

Tutto il materiale relativo a questo progetto è riunito nella sezione Istantanee da Macrochorafo.

This project take place in Macrochorafo: it’s a country house where some of the refugees live with their children.
The loss of photographies of their past and the difficulties to take new photos, makes this snapshots a gift, a precious object, an image representing their emotional ties. 

All the material related to this project is accessible in the section: Istantanee da Macrochorafo.

Day 1_Alpha Center

Incontriamo nel primo pomeriggio lo staff dei Samos Volunteers, che ci apre le porte dell’Alpha Center, situato a pochi passi dal centro di Vathy. Nel corso della riunione, Andrei Bogdan, responsabile dell’associazione, ci aggiorna riguardo la situazione sull’isola: nelle ultime tre settimane gli arrivi sono aumentati in maniera esponenziale, raggiungendo il picco una decina di giorni fa, arrivando anche a tre sbarchi al giorno. L’hotspot di Samos ha superato di due volte la sua capienza e, anche se da qualche giorno la situazione si è stabilizzata, molti migranti sono costretti a vivere in tende sovraffollate o scelgono, in alcuni casi, di dormire all’aperto.

Schermata 2017-08-28 alle 15.21.30

Weekly_Snapshot_17_23_Aug_2017

Oltre il 50% degli arrivi più recenti è di nazionalità siriana; oltre a quello di Samos, anche i campi di Chios e Lesbos si trovano nelle medesime situazioni, mentre quelli di Kos e Leros, essendo di dimensioni decisamente minori, contano un numero inferiore di ospiti.
A Samos, tra hotspot, appartamenti e altre sistemazioni, ci sono oggi oltre 2000 migranti.
La maggior parte dei richiedenti asilo, dopo un lungo iter burocratico, viene smistato sul continente: i centri d’accoglienza che sono sorti – e stanno tutt’ora sorgendo – sono situati in diverse zone dell’Attica, spesso lontani dai centri urbani. Con ogni probabilità, passeranno almeno cinque anni prima che chi oggi approda sulle isole ottenga la cittadinanza e possa decidere liberamente cosa fare e quale paese scegliere per cominciare una nuova vita.

 

Durante la seconda parte del meeting, i quattro fotografi incaricati espongono i loro progetti e si confrontano coi volontari presenti all’incontro.

Alle 18 di oggi, un incontro coi migranti servirà a illustrare le attività proposte e a raccogliere le prime adesioni.

 

 

The staff of Samos Volunteers is based at the Alpha Center, in Vathy. During our first meeting Andrei Bogdan, director of the association, explain us the situation of the island: in the past 3 weeks the arrivals are much more intensive and they may be up to 3 landings per day. Samos’s hotspot has exceeded twice his capacity, for this reason some refugees are obliged to “live” in the overcrowded tents.

Weekly_Snapshot_17_23_Aug_2017

The 50% of migrants are Syrians; as the Samos’s camp, also in Chios and Lesbos there is the same situation. 

In Samos the number of refugees is more the 2000.

During the second part of the meeting, our four photographers have explained their projects to Samos volunteers and at 6 p.m. there will be a meeting with some migrants in order to start to involve them in our activities.

Daily

Daily
Daily

 

Questa è la sezione più ampia del blog, in cui si trovano immagini, testi e video riferiti alle attività giornaliere sull’isola.

Divisa per giorni, comprende la documentazione dei workshop, le testimonianze, il lavoro del nostro staff e, in generale, il racconto degli avvenimenti quotidiani legati alla nostra missione.

Tutti gli articolo collegati sono collezionati e accessibili all’interno della sezione daily.

In this section of the blog there will be images, texts, videos referred to the daily activities on the island. 

Every articles it’s accessible in this section daily.